venerdì 18 aprile 2014

Cosa cucino: La Pizza di Pasqua a modo mio

Non so se questo dolce è tipico solo della mia città o di tutto l'Abruzzo.
So solo che qui dalle mie parti a Pasqua si mangia la Pizza di Pasqua, con o senza canditi, ma con l'anice...e a me piace piena zeppa di cose dentro!

Ha una consistenza strana perché sembra un panettone, ma non è, e non è troppo dolce (se non la farcisci come faccio io!) e sta bene anche accompagnata ad affettati e formaggi.

Alcuni la fanno con il formaggio, altri mettono le uova sode come decorazione...ognuno dice la sua sulle ricette regionali e io provo a fare del mio!
Vi dico solo che non avendo uno stampo adatto, ovvero una tortiera molto alta, ho utilizzato la forma di carta per la colomba, e non sapendo bene che tipo di canditi mettere li ho messi tutti.
Avrei aggiunto anche il cioccolato, ma mi sembrava troppo...prossima volta, però, metto anche quello!

La ricetta è una rivisitazione della Pizza di Pasqua originale...che poi qual è quella originale in questo caso non si sa perché ognuno dice che la sua è la pià buona!
Io vi dico che la mia non è per niente male ed è molto golosa. La consistenza è forse un po' più soffice e morbida di quella classica, ma a me piace così.
Se vi va e se avete un po' di tempo a disposizione provate a farla, magari con lo stampo giusto, per esempio quello del panettone andrebbe molto bene.

Un'alternativa carina ed originale? 
Fatela monoporzione nello stampo da muffins!
Delle mini pizze di Pasqua potrebbero diventare dei bei segna-posto, no?





INGREDIENTI
3 uova
100 gr di zucchero
1 panetto di lievito di birra (25 gr)
500-600 gr di farina 00 (anche di più per impastare)
1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
1/2 bicchiere di latte
70 gr di arancia candita
70 gr di cedro candito
50 gr di canditi misti
50 gr di uvetta
un cucchiaio di semi di anice (o qualche goccia di essenza)

PROCEDIMENTO

Sciogliere il lievito in una ciotolina con mezzo bicchiere di acqua tiepida e due-tre cucchiai di farina.
Mescolare bene e lasciare riposare per circa 30 minuti coprendo con la pellicola.
Trascorso questo tempo il lievitino si sarà gonfiato.
Montare le uova e lo zucchero per qualche minuto con le fruste elettriche finché non raddoppiano di volume.
Aggiungere sempre montando l'olio e il latte.
Aggiungete il lievitino e mescolare lentamente.
Aggiungere la farina poco per volta e iniziare ad impastare con le mani leggermente unte di olio.
L'impasto deve essere molto umido quindi non aggiungete troppa farina. Anche se vi sembra difficile da lavorare lasciatelo morbido.
Lasciare lievitare per 12 ore questo impasto nello stesso recipiente dove lo avete lavorato. 
Trascorso questo tempo, aggiungere i canditi, l'uvetta e l'anice e impastare ancora senza aggiungere farina e sempre con le mani unte.
Sistemare l'impasto in uno stampo di carta da panettone o in uno stampo per pizze di pasqua ben oliato e lasciare lievitare per altre 6-7 ore.
Cuocere in forno a 170° per circa 80 minuti.
Se dopo un'oretta la superficie sarà diventata troppo scura, copritela con della carta stagnola e proseguite la cottura.



martedì 15 aprile 2014

Oggi vi parlo di un progetto molto Funky!!!



Molte di voi già conoscono la mia rubrica 9 Months of fashion, il mio appuntamento mensile sul sito delle Funky Mamas, i miei consigli di moda per panze in libra uscita!

Bene, vi annuncio ufficialmente che parte oggi un progetto molto molto carino, un Funky progetto di quelli che mi entusiasmano assai!
In 9 Months of fashion non proporrò più solo outfit scelti secondo il mio gusto, ma li penserò e li studierò per donne normali, per panze reali...e in particolare per la mia nuova modella Justine!

Io cerco gli abiti e gli accessori che mi piacciono, li propongo a Justine che li indossa e poi Camilla (Zeldawasawriter per gli amici!) fotografa il look finale! Figo no?

Ma che ci fai con le modelle e le panze finte sui cataloghi quando puoi avere una persona vera, con una panza vera (e molto molto più figa di una modella!) per vestirla nei mesi più belli della sua vita...ma anche i più difficili quanto a look!?

Vi piace l'idea?
Bene, care le mie future mamme, seguiteci, seguiteci e seguiteci e dateci tanti consigli se vi va!
Seguiremo l'evoluzione della pancia di Ju fino alla nascita della piccola "Fratella". 
Sì, ho dimenticato di dirlo, è una FEMMINAAAAA!





Photocredit: Zeldawasawriter

lunedì 14 aprile 2014

Cosa cucino: Lecca lecca di biscotto

I bambini impazziscono per tutto quello che può stare sopra ad uno stecco.
Gelato, lecca lecca, ghiacciolo, cake pops...Gn-ometto impazzisce per tutte queste cose!

Ecco cosa mi sono inventata per farlo contento qualche giorno fa!
Semplici biscotti ripieni di confettura di albicocche...ma con lo stecco.

Ho utilizzato uno stampino che ha anche un timbro per scrivere cose carine come Homemade, Made with love e Eat me. 
Io lo adoro. Se vi piace l'idea lo trovate su Amazon oppure in tutti i negozi che vendono prodotti per cucinare!

Divertenti, no?
Lo confesso. Ne ho mangiato uno anche io!

Buona giornata a tutti voi.





INGREDIENTI

Confettura Rigoni di Asiago all'albicocca
2 uova
300 gr di farina 00
scorza di 1/2 limone grattugiata
130 gr di zucchero a velo
100 gr di burro
Occorrente: bastoncini per lecca lecca e nastrini

PROCEDIMENTO

Mescolare il burro, lo zucchero, la farina e la scorza con le mani e aggiungere le uova, una alla volta.
Lavorare l'impasto con le mani, formare una palla liscia e avvolgerla nella pellicola. lasciarla raffreddare in frigorifero per circa 30 minuti.
Stendere la pasta con un matterello su una spianatoia infarinata. Non deve essere troppo sottile.
Ritagliarla con un coppa-pasta o con un bicchiere e farcirla con un cucchiaio di confettura. 
Posizionare il bastoncino da lecca lecca fino al centro del cerchietto.
Bagnare la circonferenza interna con poca acqua per fare in modo che aderisca all'altro disco e si chiuda perfettamente.
Chiudere con un altro dischetto e sigillare la circonferenza con una forchetta.
Infornare a 180° per 10 minuti.
Decorare il bastoncino con un nastrino di raso colorato.


venerdì 11 aprile 2014

Le mie guide di stile e bellezza: Di rosa e pois

Buongiorno Mondo!

È venerdì e il fine settimana inizierà ufficialmente tra poche ore...io non aspetto altro!
Direi che già dopo pranzo potete iniziare a spegnere il cervello per dedicarvi a qualcosa di davvero leggero e frivolo...come certe letture che vi propongo io!
Come ogni settimana, ecco a voi una selezione delle guide di moda e bellezza che ho scritto per Deabyday.

Io vi dico quali sono quelle che proprio non potete perdere secondo me.

- Per prima cosa parliamo di smalti? Lo sapete che il rosa confetto questuano andrà tanto?


- E il rossetto rosa che fai non te lo provi?



- E poi passiamo ai jeans. Io ne ho comprati un paio modello skinny a pois...e voi?


- Prendiamoci anche cura della nostra bellezza e impariamo ad utilizzare il BLUR. Non sapete di cosa sto parlando? Non lo sapevo nemmeno io fino a qualche giorno fa!


- Gwyneth si è mollata con il marito. Tristezza! 



Buona lettura a tutte e buon fine settimana!

lunedì 7 aprile 2014

Cosa cucino: Treccia di pasta brioche

Vabè, non è proprio una treccia, lo so, ma non sapevo come rendere l'idea!

Questa è una di quelle ricette che ti fa fare un figurone senza troppi affanni.
Metti la treccia di brioche a tavola e senti l'urlo di gioia di chi è pronto ad addentarla.

Bella, scenografica e buona da morire, la potete farcire con la confettura che preferite, con la crema di nocciole o anche con qualcosa di salato.

Io ne ho fatte due dolci, ma qualche tempo fa avevo utilizzato fontina e prosciutto cotto all'interno e avevo presentato la treccia in un aperitivo tra amici. Un successone!
Con lo stesso impasto potete fare anche panini o brioche se vi va.

Buona colazione a tutti e buon inizio settimana. 
Per me, una settimana piena di impegni! Incrociamo le dita, va!




INGREDIENTI
1 bustina di lievito liofilizzato 
30 gr di zucchero
250 gr di latte
1 uovo
400 gr di farina manitoba
150 gr di farina 00
60 gr di olio extravergine di oliva
un pizzico di sale
latte per spennellare

Fiordifrutta albicocche Rigoni di Asiago
Nocciolata Rigoni di Asiago
granella di zucchero per decorare

PROCEDIMENTO
Scaldare leggermente il latte senza portarlo a bollore e versarlo in un recipiente di vetro dove verrà mescolato con le farine e il lievito, l'uovo leggermente sbattuto, l'olio, lo zucchero e il sale.
Lavorare bene l'impasto con le mani prima nel recipiente e poi su una spianatoia di legno, aggiungendo, solo se necessario, un po' di farina.
Formare una palla liscia e lasciarla riposare coperta da un canovaccio pulito in un luogo caldo lontano da correnti.
Dopo circa due ore, l'impasto sarà raddoppiato. È il momento di stenderlo con un mattarello formando un rettangolo. La lunghezza deve esse come quella dello stampo da plumcake che utilizzerete.
Farcire l'impasto con confettura o Nocciolata e poi arrotolarlo mantenendo la parte più lunga.
Tagliare il rotolo a metà seguendo la lunghezza fino ad avere due mezzi rotoli lunghi di pasta e intrecciateli l'uno sull'altro.
Il ripieno uscirà un po' fuori, non importa.
Sistemare la treccia sulla carta da forno e trasferirla in uno stampo da plumcake. 
Lasciarla lievitare ancora un paio di ore e poi spennelarla con il latte e decorarla con la granella di zucchero.
Cuocere a 180° per 25 minuti circa.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...